Non c'è posto al mondo che io ami più della cucina. Non importa dove si trova, com'è fatta: purché sia una cucina, un posto dove si fa da mangiare, io sto bene. Con un frigo enorme pieno di provviste che basterebbero tranquillamente per un intero invero, al cui grande sportello metallico potermi appoggiare. Siamo rimaste solo io e la cucina. Mi sembra un po' meglio che pensare che sono rimasta proprio sola. Banana Yoshimoto

giovedì 10 novembre 2011

Fakecake Verde Invidia




INGREDIENTI

350 g di farina 
150 ml di latte
150 g di emmentaler    
150 g di spinaci puliti
4 uova 
50 g di olio evo
12 g di lievito di birra
1 cucchiaino di sale
noce moscata
burro e farina per lo stampo

PREPARAZIONE
1)Grattugiate grossolanamente l'emmentaler, tagliate a grosse listarelle gli spinaci e mettete il tutto da parte. Intanto sminuzzate il lievito in una ciotola e stemperatelo con il latte a temperatura ambiente finché non si scioglie completamente. Amalgamate, sbattendo un poco, le uova al lievito.


2)In una ciotola disponete a fontana la farina setacciata e versate nel centro il mix di lievito e uova. Cominciate a impastare con una forchetta o con le punta delle dita; quando metà della farina si sarà amalgamata aggiungete olio e sale e continuate a lavorare l'impasto fino a che non sarà omogeneo.



3)Unite il formaggio, gli spinaci e la noce moscata mescolando delicatamente per amalgamare in modo uniforme gli ingredienti aggiunti.



4)Imburrate e infarinate lo stampo (il composto è fatto per uno stampo da plumcake di 25 cm, io ne avevo uno più piccolo quindi ne ho usato un altro a ciambella). Trasferite il composto nello stampo e lasciatelo lievitare per circa un'ora, finché non raggiungere il bordo.



5)Cuocete a forno già caldo a 180° per circa 40 minuti. Sfornateli quando saranno ben dorati in superficie e lasciateli raffreddare prima di estrarli dagli stampi. Servite a fette magari con dei salumi. 




Con questa ricetta partecipo a due contest (sotto vedete i banner), ho scelto l'invidia perché essendo un "fakecake" è la ricetta di per sé è invidiosa dei veri plumcake e delle vere ciambelle e inoltre, io sono un po' invidiosa di tutti questi meravigliosi food blog mentre io sono alle prime armi e ho ancora tanto da imparare. Spero però che chi legga sia un po' invidioso di questo plumcake e di questa ciambella molto molto gustosi: usati come pane per dei tramezzini sono una meraviglia! :)
P.S: si possono trasformare in crostini e tuffarli nel minestrone!!
 Slurp!





2 commenti:

  1. Ma davvero favolosi da fare invidia mia cara! non li ho mai fatti e mi piacerebbe davvero provarli! bella anche l'idea di trasformarli in corstini o in base per tramezzini! Grazie di cuore per aver partecipato!!!! bacii

    RispondiElimina
  2. Grazie!!
    Ed è sempre un piacere partecipare a contest divertenti come quello che hai proposto :)

    RispondiElimina

Il tuo pensiero..

Scrivi la tua mail e ti aggiornerò.....

Leggimi...

Quotes

L'alta cucina non è una cosa per i pavidi: bisogna avere immaginazione, essere temerari, tentare l'impossibile e non permettere a nessuno di porvi dei limiti solo perché siete quello che siete, il vostro unico limite sia il vostro cuore. Quello che dico sempre è vero: chiunque può cucinare, ma solo gli intrepidi possono diventare dei grandi.
Emile, ci troviamo di fronte a possibilità inesplorate, dobbiamo cucinarlo!
Il cibo trova sempre coloro che amano cucinare!
Ratatouille

Non dire cos'è finché non l'hai assaggiato.
E ricorda: la ricetta è solo l'ipotesi
Leggi di Murphy sulla cucina

Lo sai perché mi piace cucinare? Perché dopo una giornata in cui niente è sicuro, una torna a casa e sa con certezza che aggiungendo al cioccolato rossi d'uovo, zucchero e latte l'impasto si addensa: è un tale conforto!
Julie and Julia

La cucina è una bricconcella; spesso e volentieri fa disperare, ma dà anche piacere, perché quelle volte che riuscite o che avete superata una difficoltà, provate compiacimento e cantate vittoria.
Pellegrino Artusi

Non c'è posto al mondo che io ami più della cucina. Non importa dove si trova, com'è fatta: purché sia una cucina, un posto dove si fa da mangiare, io sto bene. Se possibile le preferisco funzionali e vissute. Magari con tantissimi strofinacci asciutti e puliti e le piastrelle bianche che scintillano.
Anche le cucine incredibilmente sporche mi piacciono da morire. Mi piacciono col pavimento disseminato di pezzettini di verdura, così sporche che la suola delle pantofole diventa subito nera, e grandi, di una grandezza esagerata. Con un frigo enorme pieno di provviste che basterebbero tranquillamente per un intero invero, al cui grande sportello metallico potermi appoggiare. E se per caso alzo gli occhi dal fornello schizzato di grasso o dai coltelli un po' arrugginiti, fuori le stelle che splendono tristi.
Siamo rimaste solo io e la cucina. Mi sembra un po' meglio che pensare che sono rimasta proprio sola.
Banana Yoshimoto

Iniziative

Offerte online ecologiche di Doveconviene.it
by Doveconviene.it

Ricette di cucina
Ricette di cucina Top blogs di ricette GiornaleBlog Notizie Blog di Cucina food bloggermania motori di ricerca Aggregatore Il Bloggatore IT FoodBlog
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07.03.2001.
Foto, immagini e contenuti sono di proprietà delle autrici e proprietarie di "Chiacchiere & Cucina". E' vietata la riproduzione anche parziale senza aver preventivamente ottenuto il permesso espresso da parte delle autrici e comunque è sempre fatto obbligo di citare la fonte. Grazie
Powered by Blogger.

© Chiacchiere & Cucina, AllRightsReserved.

Designed by ScreenWritersArena